L'edizione 2014

La quarta edizione della GNP, ideata e organizzata da Itinerari Previdenziali, si è svolta a Milano presso la sede di Borsa Italiana e in Piazza degli Affari il 14, 15 e 16 Maggio 2014. L’evento si è concluso con un grande successo di pubblico e di media: oltre 5.000 i visitatori e una copertura costante da parte delle principali emittenti televisive e testate nazionali. Più del 70% dei partecipanti è rappresentato da giovani, donne, lavoratori: un pubblico di persone non addette ai lavori ma chiaramente interessate al proprio futuro previdenziale, assistenziale e lavorativo.

L’afflusso alla "busta arancione", dove era possibile conoscere le proiezioni su quando e con quanto si potrà andare in pensione, è stato costante e spesso caratterizzato da lunghe ma disciplinate attese. Lo stesso per quanto riguarda l’area INPS all'interno della "Casa del Welfare", con le postazioni di Inail, Covip, Italia Lavoro, Isfol e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Costanti le richieste di estratti conto previdenziali, posizioni assicurative, duplicati e informazioni da parte di tanti degli enti pubblici sia a quelli delle 20 Casse dei liberi professionisti nonché agli stand interattivi dei Fondi Pensione e delle Casse di assistenza sanitaria integrativa.

Grande riscontro per il Job Matchpoint, l'iniziativa realizzata in collaborazione con “Città dei Mestieri”, Trovolavoro del Corriere e la Provincia di Milano. Oltre 170 le posizioni lavorative aperte (sia a tempo indeterminato che determinato) e più di 6000 i curricula inviati (tra questi ne sono stati selezionati quasi mille che hanno consentito ad altrettanti giovani di sostenere colloqui di lavoro).

Circa 500 i ragazzi provenienti da scuole superiori e università che hanno preso parte al convegno di venerdì 16 maggio, animato da Fabrizio Fontana, Franco Baresi e Damiano Tommasi.

Nel complesso le postazioni interattive (collegate telematicamente alle sedi centrali per fornire tutte le informazioni come se si fosse all'interno di ogni singolo ente) sono state 94; praticamente quasi tutto il panorama italiano.
Si sono svolti 80 convegni di cui 16 speed date e una decina di workshop in tema lavoro, molto concreti e informativi con l'interazione del pubblico. Sui palchi delle 7 sale convegno si sono alternati oltre 200 relatori con importanti esponenti di Governo e delle parti sociali.

La GNP2014 ha puntato a introdurre l'idea che i fondi pensione vadano oggi visti non solo come forme di previdenza aggiuntiva, ma anche come un «salvadanaio», come un «libretto di risparmio» che aiuta i lavoratori, soprattutto i giovani e le loro famiglie nelle fasi salienti della vita.

Occorre però anche maggiore consapevolezza da parte delle istituzioni, della politica, delle parti sociali e della società nel suo insieme: se ci fosse la comune convinzione che i fondi pensione, assieme alle altre forme di welfare, sono utili e indispensabili per un miglior vivere sociale, si dovrebbero creare le precondizioni per un loro utile sviluppo. Sarebbe quindi possibile investire una parte delle risorse a favore delle categorie e delle aziende che contribuiscono a fondi e casse, prevedendo garanzie e agevolazioni per chi investe nel sistema Paese.

Perché questo accada occorre una maggiore sensibilità da parte del Governo per promuovere e tutelare lo sviluppo della previdenza privatizzata e complementare ed in generale del welfare integrativo, che in Italia è fermo al 1997.